“Bollywood” arriva in Italia con Loredana Bertè

"Bollywood" di Loredana Bertè è un invito godersi il momento e ad afferrare ciò che di positivo la vita ha da offrirci.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Loredana Bertè – ph Getty Images

Un ritmo arabeggiante sta avvolgendo la città: Bollywood arriva in Italia grazie a Loredana Bertè e al suo ultimo singolo che anticipa l’uscita dell’album “Manifesto“. La canzone è un invito a godersi il momento, a sentirsi leggeri e ad afferrare ciò che di positivo la vita ha da offrirci ma nasconde un senso più profondo.

Bollywood è una ventata di freschezza e porta la firma di due giovani e promettenti autori: Riccardo Zanotti (autore di tutti i brani dei Pinguini Tattici Nucleari di cui è anche il frontman) e di Giorgio Pesenti producer e autore, appassionato di musica sperimentale. Le strofe sono fotografie della vita cittadina che riusciamo chiaramente ad immaginare: una bambina che mangia un ghiacciolo, le insegne che popolano il centro, una suora e uno spacciatore ad una fermata dell’autobus.

“Le strade sono vive e noi siamo animali

E tutta questa gente

Non dovrebbe pensare più

Deve fermarsi, cantare, ballare

 E fare come fanno a Bollywood”

Il testo paragona la città ad una giungla e noi a degli animali, accompagnato da un ritmo vivace, nasconde sotto la sua leggerezza una lezione, resa chiara dal verso: “Da sempre ci sto bene in questo melting pot” espressione che indica una società che permette l’unione di individui di origini, religioni e culture diverse con il risultato di costruire un’identità condivisa. Il tema dunque è l’inclusività di razza e di genere.

Il tema dell’inclusività di genere percorre l’intero album “Manifesto” che è un vero e proprio inno alla indistruttibile forza delle donne ma anche una denuncia alle oppressioni e alle violenze subite da quest’ultime. Ospita artisti come NitroFedez J.Ax. Ha visto, inoltre, la partecipazione di numerosi autori per la sua realizzazione: da Riccardo Zanotti a Lorenzo Cilembrini (conosciuto da molti con il nome d’arte “Il Cile”) fino ad arrivare a Luciano Ligabue (autore di “Ho smesso di Tacere”, canzone di denuncia contro le violenze sulle donne) che commenta l’uscita dell’album con una dedica alla Bertè:

“Per Smettere di tacere serve coraggio e a te, Loredana, il coraggio non è mai mancato. Grazie per aver dato vita a questa mia canzone con tutta la tua voce e con tutto quello che la tua voce contiene e racconta.”

Il videoclip coloratissimo e in stile cartoon con chiari richiami ad Andy Wharol e alla Pop Art ma anche alla divinità indiana Kali è diretto da ConiglioViola (duo artistico formato da Brice Coniglio Andrea Raviola) e rende benissimo l’idea del mondo in cui Loredana Bertè, a 71 anni e con ben diciotto album alle spalle, vuole portarci.

Dopo “Sei bellissima” e “Non sono una signora” quest’album è un’altra manifestazione d’amore della Bertè alle donne. La cantante ha dichiarato : “In ognuna di loro ci sono io”.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

La notte vola, dopo le tante richieste degli ascoltatori, da programma di successo diventa digital radio di Radio Kiss Kiss, con la musica più bella di sempre.
Si tratta di una feature fasulla della celebre applicazione di messaggistica istantanea “WhatsApp” che promette di trasformare l’app in una versione interamente rosa.