Scatola nera sulle auto, cosa cambia dal 6 luglio

Presto ci sarà l'obbligo di avere la scatola nera sulle auto. Per chiarire ogni dubbio è intervenuto Claudio Cangialosi di sicurauto.it

Questa mattina in Good Morning Kiss Kiss abbiamo parlato dell’introduzione della scatola nera sulle nuove auto.

Per approfondire l’argomento è intervenuto Claudio Cangialosi, direttore di sicurauto.it:

«Specifichiamo che cambia tanto e poco. Mi spiego meglio, perché c’è tanta confusione. I produttori di auto, dal 6 luglio, se avranno un nuovo modello omologato, dovranno installare la scatola nera (o black box). Quest’ultima si divide in due tipi: quella che viene dalle assicurazioni, che ci profila, ci fa avere degli sconti e aiuta a ricreare la dinamica degli incidenti; la seconda viene dalla Commissione Europea, la EDR (Event Data Recorder), che servirà solo in caso di incidente, anche alle forze dell’ordine. Quindi, non è vero che dal mese di luglio l’EDR sarà installato su tutte le auto nuove, l’obbligo partirà dal 2024. Solo le vetture omologate a partire dal prossimo luglio avranno l’obbligo. Per omologate si intendono quelle auto nuove che si inseriscono sul mercato e perciò vanno prima omologate, quindi per essere poi introdotte sul mercato ci vorrà almeno un anno. Inoltre, chi possiede una scatola nera sull’auto non deve sostituirla, quelle inserite dall’assicurazione sono il prodotto di un’attività privata. L’EDR, quindi, sarà obbligatoria per tutte le auto vendute sul mercato dal 2024 o a partire da luglio 2022 per quelle di nuova omologazione. L’EDR registrerà la velocità della vettura prima dell’incidente e dopo, così da avere un quadro preciso della dinamica. La Privacy verrà assolutamente garantita, perché servirà solo in caso di incidente.»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

“Tramontana” è il nuovo inedito del giovane Matteo Romano. Il brano, dedicato al vento del nord, sarà in radio dal 1 luglio.
Dal 1 luglio, in rotazione radiofonica, la nuova canzone del rapper Emis Killa intitolata “Lucifero”.