Scarti del vino, come si possono riutilizzare

Scarti del vino, completamente e perfettamente riutilizzabili. Domenico Bosco, responsabile Vino di Coldiretti, ci ha spiegato come vengono riciclati.

Questa mattina in Good Morning Kiss Kiss abbiamo parlato degli scarti del vino e di come vengono recuperati gli scarti vitivinicoli dopo la vendemmia.

Per saperne di più è intervenuto Domenico Bosco, responsabile Vino di Coldiretti:

«Dalla lavorazione delle uve e, quindi, dal processo di fermentazione, si ottengono tre cose: i raspi, le vinacce e le fecce. Questi tre elementi sono perfettamente riutilizzabili e riciclabili. I raspi diventano massa combustibile o ammendanti agricoli. Le vinacce (insieme di bucce e semi dell’uva), oltre alla classica distillazione, possono servire per ottenere un olio molto pregiato e altre sostanze usate come conservanti; inoltre, dalle bucce si ottiene l’enocianina, che è il colorante naturale dell’uva rossa. Alcuni nostri giovani imprenditori, hanno utilizzato alcune fibre delle bucce per produrre la carta. Dalle fecce, oltre ad essere usate per la classica distillazione, si ottiene l’acido tartarico, utilizzato dall’industria enologica; inoltre, possono essere recuperate alcune sostanze polifenoli e antiossidanti, che sono poi utilizzate anche nell’industria cosmetica.»

Conferma che in un prossimo futuro sarà possibile vedere delle auto costruite con materiali provenienti dalla filiera del vino?
«In realtà sì, perché le fibre naturali contenute nelle bucce, nei vinaccioli (semi dell’uva) e nei residui di potatura hanno caratteristiche molto interessanti per essere utilizzati, insieme ad altre sostanze, per costruire ed esempio i pannelli. Addirittura sono in corso sperimentazioni in cui queste fibre, mescolate insieme all’argilla, producono una ceramica leggera.»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Prenotare le vacanze online comporta sempre un rischio truffe. Ne parliamo con Alessandro Petruzzi, vicepresidente Federconsumatori.
Oggi ci troviamo ad Agazzano, uno splendido comune dell’Emilia-Romagna in provincia di Piacenza. Scopriamo insieme le attrazioni e il cibo.