Saldi, quanto durano e quali sono le regole

Inizia il periodo dei saldi invernali. A parlarci della situazione generale, il vicepresidente Confesercenti, Nico Gronchi.

Questa mattina in Good Morning Kiss Kiss abbiamo parlato dell’inizio dei saldi invernali.

Per fare il punto sulla situazione è intervenuto il giornalista e vicepresidente di Confesercenti, Nico Gronghi:

«Ci sono alcune regole che sono obbligatorie durante i saldi: il doppio prezzo e la percentuale di sconto, oltre all’accettazione del pagamento elettronico. A discrezione, sono consentiti il cambio merci, se si tratta di cose rotte o difettose, e la prova dei prodotti. Per gli sconti non ci sono regole definite, ogni esercente decide come applicarli. Mediamente gli sconti partono dal 25-30%. Le regole non valgono per i prodotti online perché i saldi on line in realtà non ci sono. I saldi sono regolati da una norma, c’è la conferenza Stato-regioni in cui si decide l’inizio dei saldi, e ci sono voluti venti anni per avere una data unica (prima le regioni facevano un po’ come volevano). I saldi durano circa sessanta giorni e secondo noi il periodo è troppo lungo. Inoltre, crediamo che dovrebbero cominciare solo a fine stagione. Stiamo lavorando da tempo affinché negozi e online convivano. Non è più come negli anni ’90 in cui c’erano enormi file per i saldi fuori dai negozi. Oggi i saldi convivono con altri periodi di sconti, tipo il blackfriday, ma sicuramente il periodo dei saldi è quello più apprezzato dai consumatori. L’online si muove con proprie regole, in cui ci sono sconti anche tutto l’anno, ma questo attira quasi di meno i consumatori. I saldi chiuderanno dopo sessanta giorni, intorno al 5 marzo. Per i saldi è prevista una spesa media di circa 150 euro a persona. Inoltre, è riscontrato un cambio: da cappotti e indumenti pesanti, si sta passando all’acquisto di maglioni e calzature, con un valore leggermente più basso.»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Prenotare le vacanze online comporta sempre un rischio truffe. Ne parliamo con Alessandro Petruzzi, vicepresidente Federconsumatori.
Oggi ci troviamo ad Agazzano, uno splendido comune dell’Emilia-Romagna in provincia di Piacenza. Scopriamo insieme le attrazioni e il cibo.