Pane e rincari: il problema è la speculazione?

Su Radio Kiss Kiss, il Presidente di Assopanificatori Davide Trombini ha chiarito i motivi e le cifre relativi ai rincari sul pane.
Questa mattina, in Good Morning Kiss Kiss, per la giornata mondiale del pane, abbiamo fatto il punto su questo alimento così importante. Con Max e Max, è intervenuto il presidente di Assopanificatori Confesercenti, Davide Trombini.

Buongiorno Presidente! Com’è la situazione rincari ad oggi?

«Buongiorno! Allora, la situazione rincari è critica, non solo per quanto riguarda il gas e l’energia, ma anche per le materie prime: farina, olio, strutto, lievito, tutti i componenti che servono per fare il pane.»

Questi aumenti non sono nuovi, è più una recrudescenza, no?

«Gli aumenti risalgono già al 2021.»

Quali sono i motivi?

«Per me si tratta solamente di speculazione, le grandissime aziende hanno approfittato della situazione. Basti vedere il periodo covid: le persone non hanno speso dei soldi e i prezzi sono aumentati improvvisamente.»

Come si farà fronte alla situazione?

«Per quanto riguarda il pane, gli aumenti oscillano dal 10% al 15% al chilo. Ma siccome il consumo pro capite è di circa 80 grammi a persona, l’aumento è di 3-5 centesimi ciascuno. Il pane non è l’alimento che porta alla crisi i consumatori, ma i fornai. Con gli aumenti, la gente si impaurisce e compra meno, ma non è il pane a portare la crisi.»

Quali sono i tipi di pane che hanno subito maggiormente i rincari?

«È un evento generalizzato. Diciamo che non è il tipo specifico a variare l’aumento. Il consumo che ne facciamo pro capite non porta i problemi che sentiamo. Consideriamo, però, che il settore è in crisi da dieci anni, e il problema è che c’è scarso consumo pane nelle tavole degli italiani.»

Nei messaggi che arrivano si parla anche del pane surgelato.

«Il pane surgelato è stato il nostro problema più grande. Purtroppo, quello che importiamo dall’estero con costi più bassi non ci può rendere competitivi. Abbiamo costi diversi per la panificazione e una tassazione differente. Ma i panificatori locali sono una sicurezza, è giusto ed è meglio che ci siano le botteghe di prodotti artigianali.»

Vuole lanciare un messaggio a tutti i panettieri d’Italia?

«Che il governo ci ascolti, che si faccia qualcosa, perché siamo a rischio chiusure. Faccio l’in bocca al lupo a tutti i miei colleghi.»

Grazie mille Presidente!

«Grazie a voi, buona giornata!»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Sabato, nella rubrica “Economia per tutti”, con Luca Iovine, parleremo dell’innovativo progetto WeSportUp.
Please Please Me fu l’inizio della leggenda dei Beatles, il primo di 12 incredibili album. E uscì esattamente 60 anni fa.