Numeri di telefono in vendita: ecco cosa sta succedendo

Da alcuni anni stanno circolando milioni di numeri di telefono in vendita. Di questi, 19 milioni sono numeri italiani.

Questa mattina a Radio Kiss Kiss abbiamo parlato di sicurezza informatica e dei numeri di telefono in vendita.

Per fare un po’ di chiarezza è intervenuto Alessandro Longo, direttore agendadigitale.eu:

«Quello che sta succedendo è che hanno messo in vendita vari milioni di numeri di telefono, che pare siano stati tratti da WhatsApp e 19 milioni di questi numeri sono italiani. Pare abbiamo provato a farlo già in passato e ora ci stanno riprovando.»

Come si fa a vedere se il nostro numero è tra quelli in vendita?
«Non c’è un modo, in realtà, perché servirebbe qualcuno che si scaricasse tutto questo pacchetto per poi creare un motore di ricerca. Però, si tratta di 19 milioni di numeri, quindi è quasi certo che ci sia anche il nostro all’interno di questo pacchetto. Pare che questi numeri siano stati tratti da Facebook già nel 2019, siano già usciti nel 2021 e poi ancora a gennaio 2022.»

Ci sono App affidabili in cui scrivendo il numero di telefono si risale a chi lo possiede?
«Beh, servono diversi elementi, oltre al numero di telefono. In questo pacchetto, invece, c’è numero di telefono, nome, cognome e anche qualche altro dettaglio messo su Facebook. Io, per esempio, ho trovato i mio numero, con nome, cognome e il fatto che sono direttore di agendadigitale. Perché tutto questo è pericoloso? Perché avendo tutti i nostri dati possono provare a truffarci.»

Novità sui pagamenti elettronici? Cosa succederà dal 30 giugno in poi?
«È possibile che non succeda nulla, ma al momento c’è un Decreto che sta per uscire in Gazzetta Ufficiale e prevede che dal 30 giugno 2022 scattino le prime sanzioni di 30 euro, per chi non accetta il pagamento elettronico, più il 4% dell’importo rifiutato.»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Dopo sei anni Beyoncé torna con un nuovo album dal titolo “Renaissance”. L’uscita è prevista per il 29 luglio.
Prenotare le vacanze online comporta sempre un rischio truffe. Ne parliamo con Alessandro Petruzzi, vicepresidente Federconsumatori.