Mestre, la tragedia dell’autobus precipitato da un cavalcavia

Ventuno morti e quindici feriti. Questo il drammatico bilancio dell’incidente avvenuto ieri sera, intorno alle 19.40, a Mestre. Un pullman è precipitato per una quindicina di metri da un cavalcavia nei pressi della stazione e ha preso fuoco dopo avere urtato i cavi dell’elettricità. A bordo turisti stranieri (ucraini, tedeschi, austriaci, croati, spagnoli e forse anche un francese) che stavano rientrando in un campeggio a Marghera dopo una visita a Venezia. Tra le vittime anche l’unico italiano sul mezzo, l’autista Alberto Rizzotto, 40 anni di Conegliano (TV). E’ stato forse un malore improvviso a fargli perdere il controllo dell’autobus, finito contro il guardrail e poi nel vuoto.

La Procura del capoluogo veneto ha aperto un fascicolo per accertare dinamica e causa della strage. Al vaglio degli inquirenti i video delle telecamere di sorveglianza e un filmato in cui si vedrebbe il pullman andare verso la barriera protettiva, svellerla e infine precipitare. Secondo l’amministratore delegato dell’azienda La Linea, società di proprietà dell’autobus, nelle immagini acquisite finora si vedrebbe il veicolo frenare. Ancora da chiarire se nello schianto siano rimasti coinvolti altri mezzi. Intanto il pullman è stato rimosso dal luogo dell’incidente con l’ausilio di due gru e riattivata la circolazione sul raccordo che dalla zona industriale di Marghera porta all’A4, il tratto di strada in cui si è verificato il disastro.

Profondo cordoglio e solidarietà espressi dalla politica e dalle istituzioni. Il presidente della repubblica Mattarella ha telefonato al sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, che ha parlato di scena apocalittica e proclamato il lutto cittadino, da Giorgia Meloni al primo cittadino l’impegno a fornire tutta l’assistenza necessaria. Oggi bandiere a mezz’asta in tutte le sedi regionali venete, il governatore Zaia ha annullato tutti gli appuntamenti in segno di lutto. Dolore e commozione anche da parte dei presidenti di Camera e Senato, Fontana e La Russa. “Una tragedia che colpisce l’Europa, siamo vicini all’Italia” ha affermato la presidente della commissione Von der Leyen, condoglianze e vicinanza alle famiglie delle vittime e dei feriti anche dalla presidente dell’europarlamento Metsola.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

La chirurgia estetica praticata sui ragazzi è uno dei temi più scottanti del momento e sono molti gli adolescenti che vi ricorrono per modificare alcune parti del corpo