Manovra finanziaria: cosa sapere su reddito di cittadinanza, pensioni ed evasione

Questa mattina, su Radio Kiss Kiss, Francesco Oliva ha spiegato i passaggi fondamentali della manovra finanziaria.
Questa mattina, in Good Morning Kiss Kiss, abbiamo parlato di economia e manovra finanziaria. Per fare il punto sulla delicata situazione, è intervenuto con noi Francesco Oliva, esperto di fisco.

Bentornato Francesco! Tutto quello che c’è da sapere sulla manovra: quali sono i provvedimenti più attesi e quali possono essere quelli più utili per i cittadini?

«Buongiorno a voi, Kiss Kiss a tutti. Questa manovra di bilancio purtroppo ha pochissimo respiro, la coperta più che essere corta, probabilmente manca totalmente perché due terzi della manovra hanno scadenza a fine marzo. 20 miliardi su 35 servono a prorogare le misure che servono a contrastare il caro energia e hanno scadenza a fine marzo. Per i cittadini, ci sarà la conferma del bonus bollette, sempre per coloro che hanno l’ISEE compreso tra 12.000 e 15.000 euro, con diversi scaglioni. Poi abbiamo il contenimento degli oneri generali di sistema e la riduzione del dell’IVA sul gas.»

Le imprese e il cuneo fiscale

«Per le imprese, invece, abbiamo la conferma con un leggero potenziamento dei crediti di imposta. Queste misure valgono i due terzi della manovra. Poi abbiamo, al secondo posto per impegno di risorse, il cuneo fiscale, che prevede la conferma del taglio contributivo del 2%, quindi una riduzione della differenza tra i costo del lavoratore e il netto che il lavoratore riceve, che incide soprattutto per i contributi a carico del datore di lavoro. Qui c’è una parziale novità e una buona notizia per i cittadini, perché sul cuneo fiscale si ipotizza un’ulteriore riduzione che porta la riduzione del 3% per chi ha reddito imponibile annuo inferiore ai 20.000 euro.»

Le pensioni

«Inoltre, abbiamo il tema pensione. C’è la conferma di tre misure: la quota 103; la conferma totale dell’APE sociale e dell’opzione donna, anche se quest’ultima viene leggermente indebolita, con requisiti anagrafici più severi.»

Il reddito di cittadinanza

«Poi abbiamo la questione spinosa del reddito di cittadinanza, che viene fortemente depotenziato nel corso del 2023. Non sarà più possibile averlo per 18 mesi rinnovabili, ma soltanto per 8 mesi in cui si dovrà tenere un corso di formazione di 6 mesi. Questa misura non riguarda tutti i percettori, perché alcuni che hanno una condizione familiare particolare, ad esempio persone anziane o disabili a carico, avranno una riduzione minore e tendenzialmente avranno misure simili alle precedenti.»

Evasione fiscale

«Sull’evasione fiscale c’è il tema della tregua fiscale di cui abbiamo parlato da poco. Confermato lo stralcio delle cartelle sotto i 1.000 euro emesse dal 2000 al 2015. C’è poi la rottamazione, cioè la dilazione ulteriore del debito senza tagli ma con sanzioni inferiori, addirittura più basse del 5%, circa al 3%.»

Pagamenti elettronici

«C’è, a proposito, una discussione intensa per quanto riguarda i pagamenti con POS. Lì viene nuovamente messo in dubbio il sistema sanzionatorio. Di fatto, la metà delle sanzioni che si fanno oggi, cioè inferiori ai 60 euro, non sarebbero obbligatorie.»

Però sappiamo che Bruxelles si è messa di traverso a questa decisione, che può alimentare l’evasione in effetti.

«Esattamente. È una misura particolarmente rischiosa perché prevede la proroga di un sistema che era stato già prorogato negli anni. La nostra legge prevedeva un obbligo senza sanzioni, ora che esisteva la sanzione, Bruxelles ha acceso i fari su questa misura chiedendo al governo di mantenere la misura originaria.»

Grazie mille Francesco delle preziose spiegazioni!

«Grazie a voi, Kiss Kiss a tutti!»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Achille Lauro è stato ospite nei nostri studi, ha parlato del suo tour unplugged, di Sanremo e dei suoi piani per il futuro.
Questa mattina, Alessandro Petruzzi (presidente Federconsumatori) ci ha illustrato le condizioni del bonus acqua appena prorogato.