Il presidente messicano chiede scusa ai Maya per i secoli di abusi

Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador si è reso protagonista di un gesto a dir poco straordinario: ha chiesto scusa alla popolazione Maya per i secoli di abusi nei loro riguardi.

Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador si è reso protagonista di un gesto a dir poco straordinario: ha chiesto scusa alla popolazione Maya per i secoli di abusi nei loro riguardi.

Nello specifico, le scuse arrivano riguardo i secoli di dominazione spagnola che hanno visto la popolazione indigena assottigliarsi in maniera significativa, schiacciata dalla violenza e dagli abusi di potere dei conquistatori.

Le scuse, rivolte ad una platea colma di rappresentanti della comunità maya, si è svolto nella municipalità di Felipe Carrillo Puerto, nello stato caraibico di Quintana Roo, simbolo della resistenza indigena durante la Guerra di Casta.

Durante questo conflitto – tenutosi dal 1847 al 1901 – si stima persero la vita oltre 250mila persone.

Una vera mattanza alla quale oggi – con umiltà e spirito di collaborazione – prova a porre rimedio il presidente messicano.

Nella speranza che la comunità Maya possa nuovamente crescere e prosperare, conservando per sempre la sua storia straordinaria.

Foto di Andrés Manuel López Obrador

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Il producer multiplatino AVA torna, in radio ed in digitale dal 1 luglio, con il singolo “Tête”. Ad accompagnarlo ci saranno i rapper Medy e VillaBanks.
Siccità ed emergenza idrica stanno mettendo a dura prova l’Italia. Ne parliamo con Stefania Di Vito di Legambiente.