I rischi di una tempesta solare e la novità delle eSIM

Oggi, su Radio Kiss Kiss, abbiamo chiesto delle informazioni ad Alessandro Longo sui danni da tempesta solare e sulla nuova tecnologia eSIM.
Questa mattina, in Good Morning Kiss Kiss, abbiamo parlato di tecnologia, dei rischi dati dalle tempeste solari e di rivoluzione delle SIM. Per fare chiarezza, è intervenuto in diretta Alessandro Longo.

Partiamo dalla notizia sulla tempesta solare: che si verifichi o meno, quali potrebbero essere le conseguenze di un evento del genere sui nostri device tecnologici? Potrebbero subire danni? Le comunicazioni si potrebbero interrompere?

«Le notizie di tempeste solari sono abbastanza frequenti, ma c’è tempesta e tempesta. Il problema sarebbe se dovesse accadere una tempesta solare grave. La tempesta solare comporta una grande quantità di onde elettromagnetiche provenienti dal sole, ce n’è una ogni 100 anni. La più grave è del 1895, in cui i telegrafi bruciavano. Ce n’è stata poi una nel 1921, una nel 1989, ma ci sono stati dei blackout in alcune zone del mondo e basta. Ora c’è internet che ha un’importanza centrale. In generale, senza apparecchi elettronici si creano grandi problemi. Il fatto è che una tempesta solare grave mette a rischio i cavi sottomarini di internet che connettono il mondo. In tal caso staremmo disconnessi anche per settimane. Secondo diversi studi c’è l’1% di possibilità che capiti una tempesta solare rilevante in un decennio. Pare ce ne sarà una questo fine settimana ma di modesta entità.»

Ma quindi ci stai dicendo che se dovesse arrivare la tempesta solare perfetta…

«Saremmo fregati!»

Ma si può anticiparne l’arrivo o capita a sorpresa?

«Gli astronomi adesso hanno tutti gli strumenti per prevederle. Come appunto quella in arrivo, di piccole dimensioni. Speriamo di non notarne mai una nella vita, ecco.»

Abbiamo letto che in atto c’è la rivoluzione delle SIM: negli Stati Uniti le stanno sostituendo con quelle virtuali, le eSIM. I pro e i contro?

«Anche in Italia sono arrivate le eSIM. Un grosso produttore di telefonia ha già annunciato che la compagnia inizierà a utilizzare solo quello. Significa che non c’è lo spazio per la SIM fisica, ma funzionerà con un QR code che integra i dati della SIM nel telefono.»

Con questo sistema si possono anche avere 10 operatori nello stesso telefono, no?

«Sì, questo è uno dei grandi vantaggi. Un altro vantaggio è che si risparmia, è un vantaggio per il pianeta, dato che si produrrà meno plastica. In più, si risparmiano tempi e costi.»

Ci risentiremo presto Alessandro, tempesta solare permettendo!

«Certo, Kiss Kiss a voi!»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

L’insegnamento a scuola cambia: con i Professori Daniele Manni e Vincenzo Schettini, abbiamo capito come si sta evolvendo la didattica.
Il tour dei Coldplay, per ora, si ferma: Chris Martin è alle prese con quello che la band definisce un problema di salute serio.