I prezzi volano e i consumi vanno giù

L'inflazione è tornata a crescere. Ad aprile si è registrato un +8,3% su base annua.

L’aumento significativo dei prezzi registrato nell’ultimo mese di rilevamenti e, cioè, ad aprile mettono di fatto gli italiani a dieta forzata. L’allarme, pare, non abbia lascito sordo nessuno. A partire dal Governo. Per il ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso contrastare l’inflazione è una priorità e, per questo motivo, ha dato un preciso mandato al Garante per la sorveglianza dei prezzi, Benedetto Mineo. Quello di avviare le azioni necessarie per una più stretta collaborazione con le Regioni, allo scopo di monitorare le dinamiche di variazione dei prezzi nei territori.

Persino il Codacons, solitamente severo verso chi ci amministra, ha valutato positivamente la decisione del ministro. Ribadendogli che, nonostante il crollo dell’energia, i prezzi non scendono. Per la Consob, la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, ci sarebbero rischi reali per la tenuta della democrazia. Mentre per Fabi, Federazione autonoma bancari italiani, nei primi tre mesi del 2023 sono stati bruciati ben 89,5 miliardi sui soli conti correnti. Il carovita avrebbe invertito la tendenza al risparmio, che si è rivelata prossima allo zero nei primi cinque mesi del 2023, con oltre 61 miliardi i depositi in meno.

Ma cosa succede quando rallenta il carrello della spesa dal 12,6% al 12,1% e i consumi calano del 4,8%, come è stato calcolato? Succede che le famiglie sono in grave sofferenza, perché a fronte di scontrini sempre più alti, portano a casa sempre meno cose. I dati diffusi dall’Istat, l’Istituto nazionale di statistica, sono allarmanti. Rispetto all’aprile del 2022 sono stati comprati il 5,4% in meno di beni alimentari e, per farlo, si è dovuto spendere il 6,2% in più dell’anno precedente. Anche se il valore delle vendite al dettaglio è salito del 3,2% rispetto a un anno fa, la quantità di beni acquistati segna un calo del 4,8%. Rispetto ad aprile 2022, gli incassi dei supermercati sono saliti del 7,2% e crescono anche le vendite nei discount alimentari, dove si risparmia un po’ di più, con un +9,2%.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Il FEM (Future Education Modena) è un centro per l’innovazione in campo ambientale ed educativo che sviluppa progetti in grado di coinvolgere i ragazzi delle scuole italiane