Galateo: tutti i consigli per un Capodanno perfetto

Questa mattina, su Radio Kiss Kiss, Stefano Agnoloni ci ha spiegato le regole del galateo per un Capodanno ideale.
Questa mattina, in Good Morning Kiss Kiss, abbiamo parlato dei consigli del galateo in vista di Capodanno. Per sciogliere qualche dubbio, è intervenuto Stefano Agnoloni, maestro di bon ton.

Buongiorno Stefano, bentornato! Siamo pronti per domani! Noi che ospitiamo, come possiamo essere dei perfetti padroni di casa a Capodanno?

«Buongiorno a voi Max e Max! Innanzitutto, sarebbe opportuno organizzare in modo da essere tranquilli un’ora prima che arrivino i nostri ospiti. Se i nostri amici o parenti saranno da noi alle 21, è opportuno che alle 20 sia tutto organizzato, così da non fare tutto in fretta e furia o da non farsi trovare in ciabatte. Poi è importante sincerarsi se ci sono delle intolleranze. Se gli ospiti hanno problemi di alimentazione bisogna saperlo prima.»

Visto che parliamo del galateo dei padroni di casa, quanto tempo prima bisogna comunicare l’invito agli ospiti?

«Qualche giorno prima sarebbe più opportuno. Però ci sono anche gli infiltrati all’ultimo, quindi meglio preparare qualcosina in più. Per i posti a tavola, se si decide di fare un buffet, non c’è il problema dei posti a tavola.»

Invece, la sistemazione dei posti? Le coppie vanno messe vicine?

«No, allora, le coppie vanno messe scoppiate, questo sempre, a prescindere da fine anno. Non si dovrebbero, poi, fare gli “squadroni”, come li chiamo io, ad esempio uomini da una parte e donne dall’altra. I bambini sarebbero strafelici con un tavolino a parte tutto per loro, in totale autonomia, e si divertono molto di più.»

Se l’orario è intorno alle 20, è bene arrivare un po’ prima, precisi, o in leggero ritardo per darsi un tono?

«Meglio arrivare qualche minuto in ritardo che in anticipo, perché si rischia di trovare i padroni di casa ancora nei preparativi. Come range di tempo, il galateo consente un quarto d’ora di ritardo; poi, se una situazione particolare fa fare un ritardo più ampio, meglio chiamare per avvisare. Non un messaggio, ma una telefonata, perché i padroni di casa potrebbero non leggerlo e pensare “ma questi non arrivano?” Sempre meglio chiamare.»

A un certo punto bisogna farsi gli auguri di buon anno.

«Sì, allora, non sopporto i classici messaggi inviati copia e incolla. Si rischia di far recapitare alla stessa persona lo stesso messaggio di qualcun altro. Se non si può telefonare, meglio mandare un vocale, quello sì, perché è personalizzato.»

Basta mettere il nome no?

«poi se un nome si ripete, con un vocale si possono fare più persone [ride, ndr].»

Chiudiamo con una cosa assolutamente da evitare.

«Bisogna evitare i botti. Non tanto i fuochi d’artificio, quanto i petardi, i botti, che fanno solo tanto rumore e spaventano i nostri amici animali. Oggigiorno si trovano le luci e gli effetti non rumorosi che danno tanta allegria, ma non danno fastidio.»

Grande Stefano, grazie!

«Grazie mille, auguri a tutti, con le bollicine che non devono mancare. Kiss Kiss a tutti!»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Rosa Chemical è stato ospite su Radio Kiss Kiss in diretta da Sanremo con Marco e Raf. Rivivi qui l’intervista!
Su Radio Kiss Kiss, abbiamo scoperto le meraviglie di Bagnoregio, guidati dalle parole del Sindaco Luca Profili.