Energie rinnovabili in Italia, la situazione

Le energie rinnovabili sono indispensabili e convenienti, ma in Italia la situazione non è favorevole. Il punto con Felice Granisso.

Questa mattina a Radio Kiss Kiss abbiamo parlato di energie rinnovabili.

Per approfondire l’argomento è intervenuto Felice Granisso, esperto Sostenibilità Ambientale e Innovazione:

In Italia quanto si sta facendo per le energie rinnovabili?
«Purtroppo la burocrazia italiana e le lunghe procedure stanno vincolando il nostro settore e siamo nettamente in ritardo rispetto ai paesi europei e al resto del mondo. In passato abbiamo fatto tanto con gli incentivi, ora invece siamo molto indietro e non riusciamo a recuperare. In questo momento è molto complicato lavorare in Italia. Per esempio, mentre in Spagna abbiamo costruito 300 mega e negli Emirati stiamo costruendo 1200 mega, in Italia per iniziare la costruzione di 21 mega ci abbiamo impiegato un anno di lavoro, di sola progettazione. Questo vale per i grandi impianti.»

Per i piccoli cittadini è più facile la procedura?
«Questo è più facile, ma non tutti possono ambire ad avere un impianto fotovoltaico sul tetto di casa propria. La transizione energetica si fa prevalentemente scegliendo la soluzione industriale degli impianti fotovoltaici o eolici (grandi impianti per l’immissione in rete).»

Come mai non si sta incentivando?
«Questo è uno dei paradossi italiani. In questo momento si sta tornando a parlare di incentivi economici, quando secondo noi operatori del settore, basterebbe sburocratizzare e deregolamentare sia le procedure che gli impianti (piccoli e grandi). Oggi un fotovoltaico o un eolico non hanno bisogno di incentivi, perché sono economicamente convenienti. Le rinnovabili si sostengono da sole, c’è solo bisogno di una forte deregolamentazione e una forte spinta all’accelerazione dei processi di autorizzazione.»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Dopo sei anni Beyoncé torna con un nuovo album dal titolo “Renaissance”. L’uscita è prevista per il 29 luglio.
Prenotare le vacanze online comporta sempre un rischio truffe. Ne parliamo con Alessandro Petruzzi, vicepresidente Federconsumatori.