Beach Bot, un robot che raccoglie i rifiuti lasciati sulle spiagge

Due giovani imprenditori hanno inventato Beach Bot, un piccolo robot che raccoglie i rifiuti dalle spiagge.

Un robot che raccoglie mozziconi di sigarette e piccoli rifiuti lasciati sulle spiagge.

Beach Bot, questo il suo nome, è il progetto di due giovani imprenditori olandesi, Martijn Lukaart e Edwin Bos, che volevano trovare una soluzione per combattere l’inquinamento sulle spiagge.

Ogni anno, infatti, vengono prodotti 5,6 trilioni di sigarette e ben 4,5 trilioni di filtri vengono gettati in strada e sulle spiagge.

I due giovani hanno creato Beach Bot, un robot di 80 centimetri che, grazie alla presenza di due fotocamere, una posteriore e una anteriore, riconosce i piccoli rifiuti sulle spiagge e li raccoglie grazie a delle piccole pinze.

I due realizzatori stanno ancora lavorando al suo perfezionamento. Nel caso in cui il robottino non riconosca il rifiuto che ha di fronte, scatta una foto per poi chiedere ulteriori informazioni sull’oggetto trovato agli utenti attraverso un’app realizzata in collaborazione con Microsoft.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Achille Lauro è stato ospite nei nostri studi, ha parlato del suo tour unplugged, di Sanremo e dei suoi piani per il futuro.
Questa mattina, Alessandro Petruzzi (presidente Federconsumatori) ci ha illustrato le condizioni del bonus acqua appena prorogato.