Alto Adige, turisti aggrediti dalle mucche sull’Alpe di Siusi

Animali che allo sguardo pascolano pacifici, ma che si rivelano tutt’altro che domestici. Alcune mucche sono state protagoniste di un’aggressione avvenuta in Alto Adige sull’Alpe di Siusi.

L’episodio si è verificato nei pressi della Baita delle Marmotte, in provincia di Bolzano. Diversi i turisti coinvolti nella vicenda e due di loro sono rimasti feriti. Si tratta di una 40enne di Belluno, che ha riportato lesioni al torace, e di un uomo nativo del Trentino che ha provato a soccorrerla, rimanendo ferito a sua volta al viso. I due sono stati trasportati negli ospedali di Bressanone e del capoluogo. La donna ha riportato gravi traumi all’addome, ma non sarebbe in pericolo di vita.

Gli escursionisti sono stati aggrediti mentre percorrevano un sentiero. Un testimone ha raccontato che a provocare l’agitazione degli animali potrebbe essere stato un cane condotto senza guinzaglio. Per evitare di trovarsi a tu per tu con mucche arrabbiate, gli esperti consigliano di non avvicinarsi troppo agli animali, specialmente se sono con i loro vitellini perché, se dovessero percepire una minaccia, non esiterebbero a reagire.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Sono stati approvati una serie di regolamenti sul Codice della strada non esattamente in linea con la stretta sulla sicurezza. Vediamoli.