Aiello: “10 anni fa Morandi mi fece tanti complimenti, ma poi non mi chiamò a Sanremo“

“Ora” è una canzone d'amore, . Un pop contemporaneo dedicato a quella fase in cui non si riesce a superare la fine di una storia e chi viene dopo si prende la parte peggiore di noi ("avevo il cuore malato", "l'atteggiamento di uno stronzo, invece era terrore").
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Per Aiello è la prima volta al Festival.

“Ora” è una canzone d’amore, . Un pop contemporaneo dedicato a quella fase in cui non si riesce a superare la fine di una storia e chi viene dopo si prende la parte peggiore di noi (“avevo il cuore malato”, “l’atteggiamento di uno stronzo, invece era terrore”).

Cosentino di nascita, romano di adozione, Aiello ha iniziato a studiare pianoforte e violino a 10 anni mostrando da subito interesse per i grandi nomi della scena soul. A soli 16 anni scrive i primi testi e nel 2011 pubblica la sua prima canzone dall’impronta pop-autorale, “Riparo”.

Me è nel settembre 2019 esce che abbina la potenza di Instagram alla sua musica e alle sue parole facendone una storia social musicale  che si concretizza con  singoli di successo ‘Arsenico’ (disco d’oro), e ‘La mia ultima storia’ (disco d’oro).

Il pop, l’elettronica e l’R&B lo stimolano e non si sente un big ma ama le tante persone che lo fanno sentire tale.

“La gente mi si è affezionata in poco tempo” racconta il cantautore calabrese.

Ora è una canzone dove il protagonista si confessa e ammette una colpa, cantando pubblicamente che si è comportato male, prima scappando e poi facendo i conti con i rimpianti e i rimorsi.

La grande occasione per un perdono e una consacrazione quella di Aiello è una canzone che chiude un capitolo e ne apre uno nuovo, finalmente a Sanremo è il caso di dire.

10 anni fa Gianni Morandi gli disse che era bravo e che cantava in modo particolare, per poi non prenderlo.

Ora è nei big.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

L’Italia ha il record della sicurezza alimentare, è la nazione al mondo più sicura dal punto di vista alimentare e ciò dipende dalla sua tradizione di sicurezza e qualità.
Si chiamerà “One Vanderbilt” e sarà il grattacielo più alto di Manhattan, il celebre quartiere di New York.