Will Smith, Academy: escluso dagli Oscar per 10 anni

Will Smith non potrà partecipare agli Oscar per i prossimi dieci anni. Questa la decisione dell'Academy dopo l'aggressione a Chris Rock.

L’aggressione di Will Smith a Chris Rock durante la Notte degli Oscar non poteva lasciare l’Academy indifferente. In merito, infatti, sono state prese decisioni importanti.

L’Academy Award ha stabilito che Will Smith non potrà partecipare agli Oscar per 10 anni.
Il Board dei Governatori si è riunito lo scorso 8 aprile per decidere come agire, e la scelta è stata comunicata dal presidente David Rubin e dalla Ceo Dawn Hudson.

Inoltre, Smith non potrà partecipare ad alcun evento organizzato dall’Academy per i prossimi dieci anni.

In merito all’assegnazione dell’Oscar a Will Smith come miglior attore per aver interpretato il ruolo del padre delle sorelle Williams nel film King Richard – Una famiglia vincente, l’Academy si è pronunciata in suo favore, non revocandogli la statuetta.

«La 94esima edizione degli Oscar doveva essere la celebrazione delle tante figure della nostra comunità che nel corso della stagione passata hanno compiuto un lavoro straordinario», si legge nella dichiarazione dell’Academy, «tuttavia, questo momento è stato oscurato dal comportamento violento e inaccettabile di mr. Smith sul palco». «Durante la nostra trasmissione televisiva, non abbiamo affrontato adeguatamente la situazione. Per questo, ci dispiace», ha poi detto l’Academy. «Questa è stata un’opportunità per noi di dare l’esempio ai nostri ospiti, agli spettatori e alla nostra famiglia dell’Academy in tutto il mondo, e non siamo stati all’altezza, impreparati a un evento senza precedenti.»

L’attore pare abbia risposto che accetta e rispetta la decisione dell’Academy.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Il producer multiplatino AVA torna, in radio ed in digitale dal 1 luglio, con il singolo “Tête”. Ad accompagnarlo ci saranno i rapper Medy e VillaBanks.
Siccità ed emergenza idrica stanno mettendo a dura prova l’Italia. Ne parliamo con Stefania Di Vito di Legambiente.