Punti di ricarica per le auto elettriche: arriva il decreto

È stato approvato il decreto per l'installazione di migliaia di punti di ricarica per auto elettriche: ce ne parla Claudio Cangialosi.
Questa mattina, in Good Morning Kiss Kiss, abbiamo parlato di automotive, specificamente dei 713 milioni di euro del PNRR investiti per le colonnine delle auto elettriche. Per fare il punto, è intervenuto l’esperto di motori Claudio Cangialosi.

Buongiorno Claudio! Che cosa dice questo decreto firmato da Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica? Cosa prevede nel dettaglio, quali sono i numeri?

«Buongiorno a voi, Kiss Kiss a tutti ragazzi! Innanzitutto, questo era un decreto molto atteso perché i fondi erano stati preparati l’anno scorso ma non era ancora arrivato il decreto, che finalmente è arrivato. Prevede l’installazione nei prossimi tre anni di ben 21.250 punti di ricarica aggiuntivi rispetto a quelli già esistenti. Ricordiamo che ad oggi abbiamo 32.700 punti di ricarica in Italia.»

Quindi arriveremo circa a 60.000 punti?

«55.000, esatto, se tutto va come deve andare. Il decreto, nello specifico, prevede l’installazione dei punti di ricarica ultrafast o veloci nelle superstrade o negli ambiti urbani. Non parliamo di punti di ricarica privati, ma di aziende che fanno servizi per ricarica.»

Sono dunque colonnine superveloci.

«Esatto, l’HPC, ultra power charge. Ultraveloci per le strade extraurbane e veloci per le strade urbane. La cosa interessante è che loro, prima di fare questo decreto, hanno cercato di capire dove si devono installare queste colonnine. C’è, quindi, una mappa di dove verranno messe, regione per regione, area per area. Ad esempio, in Campania saranno 468 sulle superstrade e 1.535 nei centri urbani.»

E in Puglia?

«534 sulle superstrade e 931nei centri urbani.»

Le colonnine sono decise in base alle vendite o altro?

«Hanno fatto un mix: vendite, situazione attale delle infrastrutture, possibilità di espansione delle aree. Una cosa intelligente che hanno fatto è pensare di installare i punti di ricarica in aree di sosta già esistenti o nelle stazioni di servizio. Si eviterà di creare nuove infrastrutture, magari andando a togliere spazio al verde. Si tenterà di migliorare le condizioni delle infrastrutture, di conseguenza si utilizzeranno le colonnine nei luoghi dove la gente va già.»

Grazie e Kiss Kiss a te Claudio!

«Grazie a voi ragazzi, ciao!»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Su Radio Kiss Kiss, abbiamo scoperto le meraviglie di Bagnoregio, guidati dalle parole del Sindaco Luca Profili.
A tre anni dalla Brexit, i cittadini del Regno Unito non sono per nulla soddisfatti delle conseguenze. Ne parla Giampiero Gramaglia.