Civita, Comune calabrese in provincia di Cosenza

Nella puntata di oggi di Good Morning Kiss Kiss abbiamo avuto modo di parlare con Alessandro Tocci, il sindaco di Civita, antico borgo in provincia di Cosenza

Civita è un paesino della Calabria che conta poco più di 800 abitanti. Situato in provincia di Cosenza, il Comune è a 450 metri sul livello del mare ed è parte della riserva naturale Gole del Raganello e del Parco Nazionale del Pollino.

La particolarità è che a Civita è presente una comunità d’albanesi d’Italia che ha mantenuto la lingua arbëreshe (italo-albanese), il rito religioso e i costumi.

Per quanto riguarda il nome della città, secondo alcuni deriverebbe dalla lingua albanese moderna, ovvero dalle parole “çifti” (coppia) o “qifti” (aquila), mentre altri pensano che il toponimo provenga dal latino “civitas” (città).

Il centro abitato del borgo calabrese è stato costruito intorno all’anno Mille per opera degli abitanti di Cassano all’Ionio che scappavano dalle scorribande dei Saraceni in Sicilia. Invece l’arrivo dei primi albanesi è attestato intorno al 1460, quando arriva la prima ondata di profughi scappati dall’Albania per le persecuzioni dell’Impero Ottomano.

A Civita attualmente si parla ancora la lingua arbëreshe e la minoranza linguistica ed etnica è riconosciuta e tutelata dallo Stato. L’influenza orientale è ancora visibile in alcune chiese che appartengono alla Chiesa cattolica-albanese dell’Eparchia di Lungro.

A proposito di questa tema, il sindaco Tocci ricorda come in paese sia esposta la bandiera bifronte dell’Italia e dell’Albania. Inoltre, ci tiene a specificare che si è sempre trattato di una convivenza molto pacifica e tranquilla.

Il primo cittadino ha poi proseguito parlando delle case kodra, delle abitazioni antropomorfe con comignoli che si distinguono per il fatto di raffigurare i volti umani. Alessandro Tocci chiude sottolineando l’importanza del turismo locale e di quello enogastronomico.

Luoghi d’Interesse a Civita

  • Ponte del Diavolo: ponte a dorso d’asino a 250 metri sul Raganello che offre una vista spettacolare
  • Gole del Raganello: l’area naturale comprende un canyon di 17 km che si divide in gole alte e gole basse
  • Chiesa di Santa Maria Assunta: è stata costruita in stile barocco a metà del XVI secolo e vi si svolgono le funzioni greco-bizantine
  • Museo Etnico Arbëreshe: espone testimonianze della minoranza etnica albanese e dei costumi legati al mondo contadino

Piatti e prodotti tipici di Civita

Il piatto più caratteristico di Civita è senza dubbio la dromesat, una specie di cous-cous preparato con acqua e farina e cotto poi in un sugo con carne. Secondo la tradizione la farina dovrebbe essere sparsa su una spianatoia e setacciata per ricavare dei minuscoli grumi di pasta.

Sulle tavole del paese poi non mancano mai salumi della zona, tra cui prosciutti e salami, pecorino e altri prodotti caseari. Tra i dolci, invece, si possono segnalare le pettule, delle frittelle cotte in olio bollente, il torrone di sesamo e i fichi ripieni.

Imperdibile è pure il liquore di piretto, che è un lontano parente del limoncello. Il suo colore è giallo oro e sprigiona delle delicate note agrumate. Infatti, il piretto è un agrume più dolce del limone e il suo nome proviene dal fatto che ha la forma allungata di una pera.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare