MOBRICI, Frankie hi-nrg mc, Willie Peyote con “Vermi” 

Uscita lo scorso 29 settembre “VERMI” (Maciste Dischi/Virgin Records/Universal Music Italia), e dal 6 ottobre anche in radio.

TRE ARTISTI, UNA CANZONE

MOBRICI
FRANKIE HI-NRG MC
WILLIE PEYOTE

“VERMI”

IN RADIO DA VENERDI’ 6 OTTOBRE

IL 30 NOVEMBRE IL CANTAUTORE SARÀ LIVE
SUL PALCO DELL’ALCATRAZ DI MILANO
PER UN CONCERTO SPECIALE NELLA SUA CITTÀ

Uscita lo scorso 29 settembre “VERMI” (Maciste Dischi/Virgin Records/Universal Music Italia), e dal 6 ottobre anche in radio, il nuovo singolo di Mobrici che per l’occasione ha deciso di chiamare con sé due artisti del calibro di Frankie hi-nrg mc e Willie Peyote e unire le loro voci in una canzone specchio della società che ci circonda.

Vermi mi ha spinto per la prima volta in mondi che non avevo mai incontrato – racconta Mobrici – Stilisticamente per me è stato un esperimento, sia dal punto di vista musicale che da un punto di vista testuale, di contenuto. Le canzoni prima non esistono e poi esistono, e non puoi fare altro che seguirle e vedere dove ti portano. È un brano di reazione, che si rivolge senza filtri direttamente a chi ascolta. Crudo, come i vermi che silenziosamente si fanno presenti nei nostri pensieri e vero, come l’arte di alzarsi in piedi, comprendere e vivere”.
 

Siamo sicuri di voler essere una delle tante pedine che partecipano al gioco dell’esistenza? In una società sempre più cieca, ma che vuole essere sempre più ammirata, i tre artisti lottano contro il cortocircuito di apparenze, superficialità ed egoismo che ci ha invaso e ci soffoca senza che ce ne  rendiamo conto.
 

“La crudeltà con la quale questi vermi si insinuano dentro di noi, che metaforicamente rappresentano il nostro passato, la nostra coscienza, i nostri desideri e le nostre paure, mi ha suggerito di chiamare due artisti che stimo molto per completare il brano e dare dei punti di vista diversi. Sia Frankie hi-nrg mc che Willie Peyote, hanno interpretato questo tema a loro modo, con il loro stile, che è proprio quello che stavo cercando in loro” – conclude l’artista.

Mobrici è reduce da un tour estivo in giro per l’Italia, dove ha portato sui palchi, dopo i due speciali appuntamenti nei club a Roma e Milano ad aprile, il suo ultimo album Gli anni di Cristo”. Un disco generazionale, un progetto vario e potente, in cui l’artista si è messo in gioco sperimentando e contaminando la sua musica, ma restando anche sempre fedele a se stesso.

Il cantautore adesso si sta preparando per un nuovo e imperdibile appuntamento: il 30 novembre calcherà il palco dell’Alcatraz per salutare tutti insieme “Gli anni di Cristo”. Un palco che ha un valore speciale per l’artista, perché oltre ad essere uno dei club storici della sua città, ha accompagnato la sua crescita musicale e segnato due momenti indimenticabili della sua vita con i Canova. Le prevendite sono disponibili online su vivoconcerti.comticketone.itticketmaster.itticketsms.it e nei punti vendita autorizzati.
 

Matteo Mobrici è un cantautore e vive a Milano. Nato batterista, passa ben presto a scrivere canzoni con una chitarra in mano all’età di 14 anni. È stato il frontman della band Canova, realtà di culto del panorama indie pop italiano. Da sempre spirito libero, autoironico ed inguaribile romantico, sensibile ai temi ecologisti, Mobrici è un multiforme cantautore sempre in bilico tra canzone d’autore e pop. Le sue sono storie minime per amori grandi, senza fronzoli e tanto suggestive, così autobiografiche da essere di tutti.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare