Ciao Bambi,
Ti chiamavo così il primo periodo della nostra immensa storia, lo ricordi? Non ami le cose plateali lo so, e forse un po’ mi odierai per questo, ma non posso lasciare che tutto scorra così via dalle nostre mani.
 Ho pensato in tutti questi giorni che io quell’amore tanto immenso che mi hai donato non lo meritassi e forse era vero, ti ho sempre fatto sentire rifiutata, come se non era il tuo amore ciò che desideravo. Ma in mezzo a tanti sbagli e tanto male una cosa giusta sono riuscito a farla: sono rimasto. Ho lasciato che fossi tu a insegnarmi ad amare, che mi mostrassi tu quali fossero le cose vere e belle della vita, la semplicità, la complicità, di quanto fosse caldo l’affetto di una persona quando addosso io non lo avevo mai sentito davvero. Mi sono fatto travolgere e non riuscivo ad accettare che i miei sogni di “avere” invece che di “essere” fossero così poco in confronto a te. 
Eravamo soltanto dei ragazzini, io troppo spaventato che ogni mia certezza che con tanta fatica mi ero costruito crollasse, tu dal cuore troppo grande per lasciarmi cadere totalmente. 
Mi hai raccolto più volte, mi hai consolato e ridato la forza ogni singola volta, perché tu c’eri, sempre, e io mai abbastanza. 

Lasciati raccogliere da me questa volta, lascia che ti dimostri che se hai potuto innamorarti di me, allora sono davvero quello che cerchi nella vita. 
Diamoci la possibilità di lasciare andare quelle stupide paure, le stesse che hanno finito per corrompere la mia vita e che ora divorano te.
Io non so se riuscirò mai all’altezza di quell’amore, ma di una cosa sono certo, perché me lo hai mostrato tu, l’amore vince davvero.