Takeoff, al funerale oltre 20mila persone

Si sono svolti pochi giorni fa i funerali di Takeoff alla State Farm Arena di Atlanta. Più di 21mila persone riunite per celebrare la vita della star scomparsa prematuramente, tra queste: Drake, Cardi B, Justin Bieber ma soprattutto Quavo e Offset membri dei Migos, gruppo di cui faceva parte il rapper.

E’ una perdita dolorosa per il mondo della musica la morte di Takeoff – pseudonimo di Kirishinik Khari Ball – classe 1994 e salito alla fama giovanissimo insieme al cugino Offset e l’amico Quavo formando il trio hip hop dei Migos nel 2008. Ucciso lo scorso 1° novembre da un colpo d’arma da fuoco a soli 28 anni, i funerali si sono tenuti pochi giorni fa alla State Farm Arena di Atlanta; una giornata piovosa in cui lo stesso sindaco di Atlanta, Andre Dickens, confesserà che è di buon auspicio per un funerale, che Takeoff andrà in paradiso. Oltre 21mila persone presenti tra amici, familiari e fans da ogni parte del mondo, una cerimonia che ha richiesto un unico imperativo: essere lì completamente, senza cellulari – con la regola di riporli- per l’occasione, appunto- dentro buste sigillate che solo il personale era in grado di aprire. 

Poche parole, tra la commozione e il rammarico, ma impregnate di significato: «Take». E poi «ti voglio bene» e «mi spiace». E’ Offset a parlare, proseguendo: «Non voglio metterti in discussione, Dio, ma a volte non ti capisco». Vulnerabile, distrutto dal dolore, al momento della preghiera il rapper ha anche richiesto un momento di comunione, del resto la fede di Takeoff è stata più volte ricordata durante la funzione dai suoi cari. «La vita d’un uomo di 28 anni è stata stroncata senza alcun senso», ha confessato poi il pastore Jesse Curney. «Quavo e Offset, non abbiatene a male», ha dichiarato invece Kevin “Coach K” Lee, co-fondatore dell’etichetta dei Migos, la Quality Control, «ma quello saggio era lui».

Tanti i messaggi e le dediche: così in un lungo post su Instagram Cardi B: “Takeoff la tua prematura scomparsa ha portato una grande quantità di dolore e dolore a così tante vite. L’impatto che hai avuto in questo mondo è stato così notevole e abbiamo lottato per cogliere questa tragedia. Ho il cuore spezzato, ma sono grata per tutti i ricordi preziosi che abbiamo condiviso mentre eri qui con noi. Questo è stato davvero un incubo e il dolore è incomparabile. Il vuoto che provano i tuoi fratelli è insopportabile e prego che tu dia a Offset, Quavo, ai tuoi amici e alla tua famiglia la forza di andare avanti mentre stanno cercando di far fronte a questa perdita. Credo che gli angeli mandino segni e bei sogni ai propri cari per rassicurarli che li stanno guardando e che stanno bene e sono felici… mandane qualcuno a tua madre. Come fan dei Migos, mi fa male guardare le foto e i video di tutti voi insieme e ascoltare tutte le canzoni che hanno cambiato l’industria musicale, spostato la cultura e fatto illuminare i club. Fa male perché so che non sarà mai più lo stesso, ma so che i tuoi fratelli e tutti voi fan farete in modo che il mondo non dimentichi mai l’impatto che avete avuto. Ricorderò il tuo straordinario talento e la tua personalità scoppiettante. Prego che tu sia in pace e in paradiso perché te lo meriti tutto. So che Dio ti ha aperto le porte celesti con un caldo abbraccio.”

Come lei, infatti, tanti altri hanno ricordato l’amico e artista: sul palco Justin Bieber, che in passato ha collaborato coi Migos ed è buon amico di Quavo, tremante ha intonato Ghost (dal suo album Justice) fissando la bara, quella bara il cui drappo riproduce perfettamente la copertina del disco che Quavo e Takeoff hanno pubblicato un mese fa, Only Built for Infinity Links. Insieme a lui sono saliti sul palco per cantare Chloe Bailey, Alicia Keys, Byron Cage, Yolanda Adams e diversi parenti del rapper. Drake, invece, una volta salito sul palco, ha deciso di recitare un poema scritto da lui stesso per ricordare Takeoff ed una poesia di Maya Angelou. E poi Mama Take: «Non può tornare da me, andrò io da lui».

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Una dieta equilibrata, l’esercizio fisico, un sonno di qualità e la giusta stimolazione mentale sono fondamentali per preservare la salute del cervello e delle nostre facoltà cognitive.