QUALI SONO I VIP CHE HANNO ADERITO A QUESTA STRANA TENDENZA?

6.9.2017 PITT

«I batteri educano le cellule dell’epidermide a comportarsi come antibiotici naturali», queste le parole del dottor Richard Gallo, capo della divisione dermatologica dell’Università della California di San Diego, «e producono essi stessi i propri antibiotici che uccidono i batteri cattivi».

Gallo spiega in questo modo, quindi, che l’eccessiva quantità di bagni integrali produrebbe una forte secchezza della pelle. Viene dall'America e si chiama Unwashed. Si tratta di lavarsi poco o per niente per non incrementare lo spreco d'acqua e per ricevere alcuni vantaggi dermatologici.

Per quanto riguarda l’ Italia, l’ex presidente del Wwf e noto ambientalista Fulco Pratesi già nel 2007 dalle pagine del Corriere della Sera rendeva noto il suo modo di intendere l'igiene sfavorendo lo spreco di acqua: niente doccia giornaliera e un solo bagno a settimana, più precisamente il sabato mattina; inoltre, secondo Pratesi, sarebbe più efficace lavarsi a pezzi.
Dopo dieci anni Pratesi non cambia idea: «Altro che una settimana: un bagno ogni dieci giorni, almeno d’inverno, è sufficiente» 

Ma chi sono i VIP Hollywoodiani che hanno deciso di affacciarsi a questa pratica? La lista lascia effettivamente sorpresi: i più famosi per lavarsi poco sono Russell Crowe, Colin Farrell, Robert Pattinson, Johnny Depp e Brad Pitt, che – secondo l'ormai ex moglie Angelina Jolie – «puzza come un cane pastore». Per Brad Pitt, per esempio, non è una questione di secchezza della pelle o dermatologica ma, proprio come per Pratesi, sarebbe una questione ambientale, volta a far risparmiare quanta più acqua possibile. 

android
apple
facebook
twitter
youtube
frequenze

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.