THANKSGIVING DAY, QUANTO COSTA ALL’AMBIENTE?

24.11.2016.ringraziamento

THANKSGIVING DAY, QUANTO COSTA ALL’AMBIENTE?

di Francesca Buoninconti del Centro Studi di Città della Scienza

Anche quest’anno per l’America è arrivato il momento di festeggiare il Thanksgiving Day, il giorno del Ringraziamento. Come da tradizione, immancabile sulle tavole, ci sono il tacchino arrosto farcito con salsiccia e mele, e la torta di zucca. Ma questa volta i ricercatori della Carnegie Mellon University hanno fatto le pulci al Thanksgiving Day: hanno calcolato la sua impronta ecologia in ognuno dei 50 Stati americani, e soprattutto quanta anidride carbonica si produce in questa festività.

La media per un pasto è di 22 chilogrammi di CO2, ma l'impatto ambientale dei piatti cucinati varia sensibilmente. Per esempio cucinare un tacchino da 7 chilogrammi in un forno elettrico nel Wyoming causa emissioni per 14,5 chili di CO2, mentre nel Maine sprigiona solo poco più di un chilo di CO2.

Così i ricercatori hanno stilato una classifica degli Stati americani più green nel giorno del Ringraziamento. Primo è il Vermont con appena 90 grammi di CO2, grazie al massiccio uso di energie rinnovabili. Al secondo posto tra “i virtuosi” si piazza il Maine con circa 6 kg di anidride carbonica. Ultimi nella lista, i peggiori di tutti, gli Stati di West Virginia, Kentucky e Wyoming, rispettivamente con 36, 35 e 34 chili di CO2 prodotta in un giorno.

Ma una volta preparato il pasto, chi viene a cena? I parenti rischiano di far aumentare, se non addirittura raddoppiare, l’impronta ecologica del pasto. Se sono vicini, tanto da muoversi in auto, bisognerà calcolare circa 250 grammi di CO2 per chilometro. Se invece viaggiano in aereo va anche peggio: «quattro persone che volano per 900 km, tra andata e ritorno, hanno un'impronta di carbonio pari a dieci volte quella del pasto del Ringraziamento» hanno spiegato gli esperti.
 
android
apple
facebook
twitter
youtube
frequenze

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.